logo di stampa italiano
 
Sei in: Altre info » Qualità, sicurezza e ambiente

Qualità, sicurezza e ambiente

Nel primo semestre 2011 si è realizzata un’importante riorganizzazione della Direzione Centrale Qualità, Sicurezza Ambiente (DCQSA), i cui passaggi rilevanti sono stati:

  • l’istituzione di un presidio normativo Qualità Sicurezza Ambiente (QSA);
  • l’individuazione e la nomina di un coordinatore dei servizi di prevenzione e protezione;
  • la conseguente istituzione di un unico Servizio di Prevenzione e Protezione a supporto delle strutture operative territoriali di Imola-Faenza, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, definita come “area Romagna”;
  • la riorganizzazione del coordinamento QSA attraverso la definizione di specializzazioni tematiche al fine principale di favorire migliori sinergie su aspetti tecnici di settore.

 

Con la definizione ed emanazione delle Linee Guida “Politica e Sistema di Gestione in materia di Qualità, Sicurezza e Ambiente del Gruppo Hera” (data emissione 21-03-2011) è stato ulteriormente rafforzato il significato del coordinamento svolto della DCQSA nell’ambito del Gruppo, esplicitando chiaramente l’esercizio del suo ruolo su tutte le Società controllate e  partecipate.

Nel corso del primo semestre 2011 sono state innanzitutto chiuse, secondo programma (entro febbraio 2011), le due Non Conformità maggiori riguardanti la III porzione di scopo, nel processo di certificazione del ciclo idrico, rilevate dall’Ente Certificativo (DNV) presso le BU-SOT di Bologna e Imola Faenza. Successivamente è stata conseguita con risultati soddisfacenti la certificazione, per la prima volta integrata sui tre schemi di certificazione (Qualità, Sicurezza, Ambiente) in linea con l’obiettivo previsto, per tutti gli Enti e Direzioni centrali e per tutte le SOT. Fanno eccezione le SOT di Ravenna e Modena le quali, a causa delle parallele attività di implementazione del nuovo sistema informativo WFM, hanno richiesto una rivisitazione della programmazione delle attività di certificazione del Ciclo Idrico che verranno concluse a settembre.

Come da programma è stato completato il significativo progetto di revisione dei processi di valutazione degli aspetti ambientali e della conformità legislativa, iniziato lo scorso anno con il ciclo idrico integrato. In questo periodo sono state completate le revisioni degli aspetti ambientali anche per i settori Servizi Ambientali, Gas, Energia Elettrica e Teleriscaldamento.

Nel medesimo periodo è terminata la definizione dei criteri e della metodologia per la valutazione dei rischi specifici come richiesto dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i. in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro con conseguente emanazione delle specifiche istruzioni operative

Sempre nell’ottica di migliorare e standardizzare la gestione degli aspetti rilevanti in materia QSA e di potenziarne l’efficacia, sono stati coordinati da DCQSA alcuni importanti processi:

  • l’attività di “riesame della direzione”, che ha visto sia le SOT (riesami di III livello), sia i Settori (riesami di II livello) impegnati nell’analisi di input definiti e condivisi tesi ad elaborare, in una logica virtuosa ed esaustiva, output utili alla elaborazione del riesame della Direzione conclusivo (riesame di I livello);
  • le attività di auditing interno, che hanno cercato quest’anno di ottimizzare e capitalizzare le competenze QSA della struttura e di allineare approcci e metodologie di audit al fine di potenziare l’efficacia dell’audit e di razionalizzare gli output conseguenti. I passaggi principali di questo progetto sono consistiti, in linea con la riorganizzazione del coordinamento QSA, in una chiara attribuzione di responsabilità tematiche, nella definizione di criteri di audit condivisi come indirizzi di riferimento per la pianificazione e conduzione degli audit da parte di tutta la struttura ed in un’analisi aggregata dei risultati in ottica di settore.

 

Nel corso di questo primo semestre gli obiettivi programmati dalla Direzione Centrale Qualità, Sicurezza Ambiente sono stati conseguiti con risultati soddisfacenti, non va dimenticato che la funzione di servizio svolta dalla DCQSA si rivolge a tutte le strutture aziendali del Gruppo, con particolare coinvolgimento di quelle operative territoriali che hanno interagito con un notevole sforzo e impegno per il conseguimento dell’ambizioso obiettivo di certificare il nostro sistema di gestione integrato Qualità, Sicurezza Ambiente.

Fra i risultati ottenuti, emerge sicuramente il raggiungimento del prestigioso traguardo rappresentato dalla certificazione del sistema di gestione ambientale e di convalida della dichiarazione ambientale ai fini della registrazione Emas della centrale di cogenerazione Casalegno di Imola, significativo impianto da 80 megawatt a servizio del teleriscaldamento della città di Imola che tuttavia nel corso del 2010 non vantava ancora la conclusione dell’iter di registrazione definitiva presso il comitato ministeriale Ecoaudit-Ecolabel. Anche quest’anno la verifica si è conclusa molto positivamente, senza rilievi e con il rilascio del nuovo certificato di convalida della Dichiarazione Ambientale aggiornata con i dati dell’intero anno 2010 e a maggio 2011 si è finalmente conclusa l’istruttoria di registrazione EMAS attraverso l’assegnazione del numero IT-001333.

Ad inizio 2011, tra gli argomenti sviluppati in materia di salute e sicurezza, si registrano:

  • l’elaborazione, con la collaborazione del coordinatore dei medici competenti (Dr. Sante Tabanelli) la bozza del regolamento aziendale in tema di alcool. La stessa è stata presentata a tutti gli RLS in occasione di un incontro dedicato;
  • il completamento tutta l’attività di formazione in materia di Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro rivolta ai dirigenti ai fini della sicurezza e sempre nello stesso ambito è stata svolta gran parte della formazione a cascata rivolta ai preposti e ai lavoratori;
  • il completamento, in modo definitivo, dell’informatizzazione degli aspetti gestionali in merito alla medicina del lavoro, alla raccolta delle informazioni per l’elaborazione del documento di valutazione dei rischi e per la gestione dei dati sugli infortuni.

 

A seguito del corso realizzato relativamente alle tecniche di investigazione degli incidenti e near miss si è proceduto all’acquisto dei diritti di utilizzo del metodo oggetto di questa formazione denominato SCAT. Lo strumento è stato oggetto di affinamento e personalizzazione per la realtà di Hera ed ha trovato piena applicazione nel corso del 2010, superando i test ed i collaudi, ma richiede un ulteriore sforzo nella sua applicazione per allineare tutte le aree aziendali al suo uso metodico e costante.

Congiuntamente alla Direzione Centrale Acquisti e Appalti, è stato completato un ciclo di audit specifico mirato a verificare il grado di applicazione delle principali procedure aziendali relativamente al controllo dei fornitori e delle forniture, attività che risultano sempre più rilevanti per il Gruppo Hera vista la significatività degli investimenti svolti e gli impatti delle prestazioni dei fornitori sui temi QSA.

Come tutti gli anni, in preparazione alle certificazioni per l’Emission Trading 2011 sui dati dell’anno di esercizio 2010, sono state condotte una serie di iniziative quali:

  • conduzione di audit interni,
  • organizzazioni di una task force sul tema specifico tesa ad analizzare le problematiche comuni e ad allineare i comportamenti.

 

Conseguentemente, nei primi mesi del 2011 si è ottenuto un positivo risultato acquisendo la certificazione su tutti e undici gli impianti valutati, con puntuale rispondenza e perfezione dei dati e della gestione del sistema oggetto di certificazione.

 

Tutte queste attività si sono aggiunte alle attività ordinarie che la DCQSA pianifica ed effettua per il mantenimento del Sistema di Gestione Integrato del Gruppo. Fra le principali attività ordinarie condotte dall’inizio del 2011 la DCQSA si è vista significativamente impegnata in:

  • attività di verifica coerenza QSA di procedure ed istruzioni redatte da varie strutture aziendali;
  • aggiornamento della documentazione di sistema, Manuale QSA, Procedure di sistema, Documenti di valutazione del rischio, Analisi ambientali;
  • affiancamento al Facility Management  nelle attività di verifica dei presidi territoriali presso le varie SOT e nella strutturazione di progetti rilevanti per far fronte ad alcune NC emerse circa i temi di presidio degli aspetti ambientali e il controllo dei fornitori afferenti alla struttura medesima.

 

Nel 2011 si è deciso di avviare il progetto "Un Anno per la Sicurezza nel Gruppo HERA" per accrescere la cultura della salute e sicurezza e per migliorare i comportamenti nei luoghi di lavoro. E' stato costituito uno Steering Committee composto dal Presidente di Hera SpA, dal Vice Presidente di Hera SpA, all'Amministratore Delegato di Hera SpA, dal Presidente di Herambiente, dalla DCQSA, dalla DCPO, dalla DCSR e dalla DGO. Il progetto si sviluppa in 15 progetti di cui alcuni trasversali di Gruppo ed alcuni pilota gestiti dai territori.

Lo stato di avanzamento dei progetti è monitorato e coordinato da un Gruppo di Coordinamento che definisce le linee guida di ogni singolo progetto e ne verifica lo sviluppo complessivo riportando periodicamente gli stati di avanzamento allo Steering Committee.

Il Gruppo è composto da:

  • tre Rappresentanti dei Datori di Lavoro (Hera SpA BU-SOT, Hera SpA Enti Centrali-DCSSI, Herambiente)
  • DCQSA - DCSR - DCPO - DCRE - DSO
  • Coordinatore SPP e Coordinatore QSA
  • un rappresentante delle RLS.

 

Inoltre all'interno del Gruppo di Coordinamento è previsto un comitato scientifico composto da tre specialisti esterni nel campo del lavoro, della sicurezza e della salute in diverse discipline (giuridiche - economiche - psicosociali).

In ambito Privacy nel corso del primo semestre 2011 si è ulteriormente sviluppato, condiviso e consolidato operativamente il Sistema di Gestione Privacy con le strutture interessate.

Il Sistema ha toccato diversi ambiti organizzativi concentrandosi principalmente su quelli indirizzati a: governare e garantire la compliance delle attività interne ed esternalizzate; intervenire per prevenire comportamenti illeciti; potenziare la re-ingegnerizzazione e semplificazione dei processi ai fini privacy.

In questo contesto si sono realizzate numerose attività tra le quali se ne indicano alcune a titolo esemplificativo:

  • Effettuato primo censimento uniforme delle Banche Dati Aziendali formalizzato nel Documento Programmatico sulla Sicurezza 2011.
  • Definita una Procedura atta alla Gestione degli adempienti privacy aziendali (in corso di emissione).
  • Individuate, le attività funzionalmente trasversali a tutta l’Azienda in capo a specifici Responsabili interni privacy / Società del Gruppo.
  • Identificati i fondamentali privacy per Gestione ed Adeguamento privacy di processi critici (Amministrazione dei Sistemi Informativi del Gruppo; Controlli del datore di Lavoro; Videosorveglianza).
  • Avviato il  percorso di assegnazione di responsabilità Privacy ai Fornitori.
  • Definito il percorso di “nomine passive”, assegnazione di responsabilità Privacy da parte Soggetti Terzi.
  • Avviati assessment privacy all’interno del Gruppo partendo dagli ambiti di business di maggior rilievo (Hera Comm / FoL).
  • Completata la distribuzione delle Lettere d’Incarico per i Dipendenti/Collaboratori ad altro Titolo.
  • Fornita assistenza/consulenza come Referente Normativa alle UdB del Gruppo.