logo di stampa italiano
 
Sei in: Overview » Risultati economici e finanziari

Risultati economici e finanziari

(milioni di €)30-giu-10Inc.%30-giu-11Inc.%Variaz.%
Ricavi1.807,0 1.983,2 +9,8%
Margine Operativo Lordo313,517,4%344,017,3%+9,7%
Margine Operativo 174,89,7%199,410,1%+14,1%
Risultato Netto69,23,8%83,24,2%+20,2%

Risultati economici e finanziari

Anche nel primo semestre dell’anno 2011, il Gruppo Hera continua ad evidenziare, come nel primo trimestre, risultati economici in crescita rispetto all’analogo periodo del 2010; tutte le principali aree d’affari hanno registrato un aumento e tutti gli indicatori economici segnano un trend positivo.

In controtendenza ai risultati economici, alcuni indicatori quantitativi risultano in calo. Si segnalano minori volumi di gas e di calore venduti e distribuiti, a causa di temperature medie più elevate rispetto ai primi sei mesi del 2010 e minori volumi di rifiuti urbani raccolti e smaltiti; si evidenziano invece maggiori volumi venduti di energia elettrica grazie anche all’assegnazione della gestione dei clienti in salvaguardia per le regioni Lombardia, Toscana, Lazio e Abruzzo, Molise e Puglia, per il triennio 2011-2013.

Inoltre, si segnalano altri avvenimenti accaduti nei primi sei mesi del 2011, principalmente nell’area ambiente:

  • Il Gruppo HERAmbiente, da febbraio 2011, consolida al 50% le attività della società Enomondo, che gestisce un impianto a biomasse da 13 MWe, in società con Caviro Distillerie Srl.
  • Il Gruppo Marche Multiservizi ha consolidato, dal secondo semestre del 2010, la società Naturambiente, che gestisce la discarica nel comune di Cagli (PU).


Come già emerso dal bilancio al 31 dicembre 2010, lo schema di Conto Economico Consolidato recepisce l’applicazione dell’interpretazione del principio contabile IFRIC 12 “Accordi per servizi in concessione” che ha modificato la modalità di contabilizzazione dei fatti aziendali per quelle imprese che operano in settori regolamentati da specifiche concessioni. A livello contabile, l’effetto dell’applicazione di tale principio, invariante sui risultati, è la rappresentazione a conto economico dei lavori di investimento eseguiti sui beni in concessione, limitatamente ai servizi a rete. Si evidenziano pertanto maggiori altri ricavi operativi per 61,1 milioni di euro per il primo semestre 2011 e per 65,5 milioni di euro per il 2010, minori costi capitalizzati per 16,3 milioni di euro nel 2011 e 15,7 milioni di euro nel 2010 e maggiori costi operativi per servizi, materiali e altre spese operative per 44,8 milioni di euro nel 2011 e 49,8 milioni di euro nel 2010.

Inoltre, i conti del primo semestre 2010 sono stati riclassificati per meglio rappresentare la realizzazione di impianti e altre opere tra società operanti all’interno del Gruppo; in particolare sono stati incrementati, di pari importo, i costi per servizi ed i costi capitalizzati.

 

Lo schema di Conto Economico Consolidato recepisce l’applicazione dell’interpretazione del principio contabile IFRIC 12 “Accordi per servizi in concessione” che ha modificato la modalità di contabilizzazione dei fatti aziendali per quelle imprese che operano in settori regolamentati da specifiche concessioni (per approfondimenti sul tema si rimanda alle note esplicative al bilancio). A livello contabile, l’effetto dell’applicazione di tale principio, invariante sui risultati, è la rappresentazione a conto economico dei lavori di investimento eseguiti sui beni in concessione, limitatamente ai servizi a rete. Si evidenziano pertanto maggiori altri ricavi operativi per 135,2 milioni di euro per l’esercizio 2010 e per 151,9 milioni di euro per il 2009, minori costi capitalizzati per 35,4 milioni di euro nel 2010 e 39,0 milioni di euro nel 2009 e maggiori costi operativi per servizi, materiali e altre spese operative per 99,8 milioni di euro nel 2010 e 112,9 milioni di euro nel 2009.

Oltre a quanto più sopra, i conti del 2009 sono stati riclassificati per meglio rappresentare la realizzazione di impianti e altre opere tra società operanti all’interno del Gruppo; in particolare sono stati incrementati, di pari importo, i costi per servizi ed i costi capitalizzati.